Rimani sempre aggiornato sulle notizie di vittoriadaily.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Dopo il successo di Vittoria, torna in scena il Collettivo Contatto con Facciamo luce. A Campobello di Licata

| di Redazione
| Categoria: Associazioni | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Dopo il successo registrato lo scorso 27 giugno a Vittoria al Santuario della Madonna della Salute con Cloud, torna in scena il Collettivo ConTatto,  nata nel 2014, per promuovere un teatro esperienziale e di ricerca, questa volta con “Facciamo luce”, altra fatica teatrale della compagnia ipparina.

L’occasione sarà la partecipazione al V Sicilia Festival libero teatro Uilt, che si terrà a Campobello di Licata il prossimo venerdì 12 luglio 2019, alle 18.30, sul palcoscenico allestito nella Valle della Divina Commedia.

L’opera porta la firma di Francesco Savarino e Cinzia Aronica, anche nei panni di regista della pièce ed è uno spettacolo di cinquanta minuti danzato, narrato, cantato e accompagnato dalle musiche eseguite dal vivo dal cantautore Lillo Puccio. Si tratta di un’analisi sulle periferie delle città del nostro Meridione. La strada, in questi contesti, rappresenta uno spazio di aggregazione, socialità e scontro. Un’umanità proletaria, ferita e dimenticata, trova nella relazione una possibilità di riscatto attraverso una solidarietà nei fatti, che in altri contesti sociali non si trova più.

In un gioco di luci e ombre, i personaggi si raccontano con immediatezza e intensità. In un clima leggero e drammatico allo stesso tempo. Facciamo luce sulle periferie, urbane, umane e corporee. Facciamo luce sui drammi non reclamati del nostro tempo. Facciamo luce su diseredati che non hanno voce. Anche se, parafrasando il testo, talvolta nell’oscurità, tutto risulta più chiaro.

Per la regista, la vittoriese Cinzia Aronica «i personaggi si raccontano, in un gioco di luci e ombre, con immediatezza e intensità. In un clima leggero e drammatico allo stesso tempo. Mostriamo le periferie, urbane, umane e corporee, i drammi non reclamati del nostro tempo, i diseredati che non hanno voce».

 

Redazione

Contatti

redazione@vittoriadaily.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK