Rimani sempre aggiornato sulle notizie di vittoriadaily.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Un modo diverso di fare scoutismo: apre a Vittoria il primo "Cerchio di Coccinelle"

Una eperienza nuova ed affascinante

| di Orazio Rizzo
| Categoria: Associazioni
STAMPA

Chi di noi non ha mai visto uno scout in uniforme: pantaloncini corti, scarponcini, zaino in spalla, un bastone in mano, cantare e gridare i propri urli.

E chi, vedendo i Lupetti,  non si è emozionato o ha provato un senso di tenerezza e ammirazione?

Siamo in genere abituati a vedere il “popolo dalle camicie blu” in giro per la città, pronti a servire, a mettersi a disposizione degli altri o della collettività, a pulire strade, piazze, spiagge; oppure in fila ordinata in qualche processione, con il loro cesto in mano per vendere qualcosa e autofinanziarsi, o in tv nei luoghi più disperati e disparati.

Ma quanti di noi hanno mai visto una Coccinella?

Non il piccolo e graziosissimo insetto, ma uno “piccolo”scout con il suo zuccotto rosso con sette punti neri?

Se chiamiamo la conta: nessuno, o quasi !

Eppure da quest’anno, il gruppo Scout Vittoria 2, presso la parrocchia San Francesco di Paola, ha deciso di scommettersi e cimentarsi in questa nuova ed intrigante avventura, aprendo un “Cerchio” di Coccinelle ( equivalente dei Lupetti 8-10/11 anni)

Una esperienza nuova, un viaggio verso mete inesplorate dello scoutismo vittoriese, la prima in assoluto nella Zona Iblea che raccoglie i gruppi AGESCI della Diocesi di Ragusa.

L’esperienza non manca, l’entusiasmo neanche tanto da spingere un veterano dello scoutismo ipparino, Vittorio Tummino, a lasciare “la Giungla” per intraprendere un nuovo “Sentiero nel Bosco” insieme ad altri Educatori della sua comunità capi.

Adesso tutto è pronto e le Coccinelle potranno iniziare a volare nella loro nuova sede presso i locali messo a disposizione dalla parrocchia San Francesco di Paola. Sabato 17 febbraio, alle ore 16.00, si terrà la cerimonia di affidamento dei nuovi locali al Cerchio di Coccinelle e l’inaugurazione degli stessi.

Un momento di gioia e festa non solo per i bambini e le bambine che avranno un luogo sicuro dove crescere e giocare ma per tutto il gruppo Vittoria 2, per la Zona Iblea e per la comunità parrocchiale.

Non ci resta che augurare al nuovo Cerchio: Buon volo !

La Branca Coccinelle è nata come metodo educativo simile al lupettismo, ma con una ambientazione più adatta ad una bambina. È stato inizialmente portato avanti all'interno dell'Associazione Guide Italiane (AGI) e nel 1974 con la fusione di ASCI e AGI nell'AGESCI a branca venne mantenuta. Nell'AGESCI si tentò subito di unificare Lupettismo e Coccinellismo. Poiché la principale differenza fra le due Branche è l'Ambiente Fantastico, si diresse l'attenzione su questo aspetto, per trovare un solo Ambiente Fantastico, oltre ad una metodologia molto più strutturata e femminile nei Branchi Lupetti, rispetto ai Cerchi delle Coccinelle dell'AGI i quali, ad esempio, non prevedevano un Libro - racconto specifico di riferimento, simile al “Libro della Giungla” utilizzato per i Branchi. Dopo una serie di sperimentazioni effettuate in alcuni gruppi scout, si decise di adottare alcuni racconti raccolti e rielaborati da Cristiana Ruschi Del Punta nel libro Sette Punti Neri. il libro racconta la storia di Cocci, una coccinella alla ricerca dei suoi sette punti neri. L’ambiente fantastico è appunto il Bosco.

(fonte: Scoutwik i- foto: archivio web)

 

 

Orazio Rizzo

Contatti

redazione@vittoriadaily.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK