Rimani sempre aggiornato sulle notizie di vittoriadaily.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Vittoria, l'ex Sindaco Moscato torna a "sfogarsi" dalla sua pagina web.

Moscato: "Il decreto di scioglimento fa acqua da tutte le parti"

| di Orazio Rizzo
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

Torna a parlare l’ex Sindaco Giovanni Moscato e lo fa, ancora una volta, affidando i suoi pensieri alla sua pagina social.

Oggi (ieri per chi legge) è una bellissima giornata commenta Moscato - per due eventi molto importanti”.

Il primo riguarda la condanna di Francesco Battaglia, condannato a 10 anni di reclusione, insieme ad altri soggetti coinvolti nell’operazione Survivors, per 416 bis, ovvero per associazione mafiosa.

Il Battaglia aveva minacciato l’ex Sindaco perché questi – invitato in una trasmissione radiofonica  in diretta nazionale su Radio 1 circa il fenomeno delle agromafie  – aveva “parlato”, denunciato il malaffare  facendo nomi e cognomi di quanti coinvolti in questi giro di malaffare.

Moscato a seguito deli fatti, era stato pesantemente minacciato tanto da sporgere regolare querela contro lo stesso Battaglia e per questo è in corso un processo in cui l’ex sindaco è costituito parte civile.

Subito dopo le pesanti minaccecommenta Moscato - ho denunciato Battaglia e adesso arriva per lui una condanna a 10 anni per associazione mafiosa. Altro che infiltrazioni dentro la mia amministrazione!”.

Giovanni Moscato si sfoga, vuole parlare e raccontare la sua verità che in parte ha già detto durante una conferenza stampa qualche settimana fa e mandata on line a più riprese sui social. Ancora una volta non ci sta ad essere definito colluso con attività illecite.

Dell'arresto avevano parlato ieri mattina anche i Commissari durante la Conferenza stampa convocata per la "nuova ricetta" sul regolamento del Mercato ortofrutticolo e sulla situazione finanziaria dell' Ente.

Noi  - continua Moscato - la lotta alla legalità l’abbiamo sempre fatta con i fatti e non con le parole, con le azioni giudiziarie e con le denunce, con le costituzioni in giudizio contro i mafiosi, gli appartenenti ai clan, con il blocco di speculazioni milionarie da parte di imprenditori pregiudicati”.

Sfogo che si fa sempre più acerbo e dai toni accesi, nelle righe successive; Un dilemma che solo la giustizia ordinaria potrà risolvere e chiarire: “Eppure ci ritroviamo con il marchio infamante di uno scioglimento per mafia! La mafia minaccia il sindaco disciolto per mafia, i paradossi di un decreto di scioglimento che fa acqua da tutte le parti e che non fa neanche cenno a tali episodi. Perché?”.

La rabbia e lo sfogo sembrano mitigati dal secondo motivo di soddisfazione della giornata, ovvero l’incontro con i ragazzi del liceo scientifico in occupazione, cjhe lo hanno invitato per un momento di confronto e dibattito.

Insiemechiosa Moscato - ci siamo confrontati su cosa voglia dire amministrare ma anche, e soprattutto, su cosa è accaduto negli ultimi mesi nella nostra città. Un confronto leale e sincero sullo scioglimento del comune, un momento di vera riflessione. Li ringrazio per l’opportunità!”

(foto: pagina social Moscato Giovanni)

Orazio Rizzo

Contatti

redazione@vittoriadaily.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK