Rimani sempre aggiornato sulle notizie di vittoriadaily.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

L'anima di chi legge, di chi scrive, di chi suona con Marco Di Stefano, un attore a tutto tondo

Roma: Il Mondo Invisibile e la Casa delle Rose Selvatiche, di Veronica Marino

| di Concita Occhipinti
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

Antonio Ferdinando Di Stefano, pianista classico contemporaneo, accompagnerà alcuni brani del libro di Veronica Marino, mentre a leggerne diversi sarà Marco Di Stefano attore italiano con curriculum di tutto rispetto.

Beatrice Gargano, violinista, delizierà l'incontro culturale con alcune performance...mentre per quanto riguarda l'autore della copertina gli onori vanno a David D'Ubaldo... Una cornice artistica che prevede senz'altro aspetti importanti pregni di respiro musicale e poetico. Basti pensare che Antonio Ferdinando è il fratello di Marco Di Stefano, mentre Beatrice Gargano è la madre dell'autrice. Giorno 9 luglio prossimo alle ore 19.30 in via Sallustiana 27/A

Una presentazione ... un incontro culturale..."energie positive" assemblate per una conoscenza più dettagliata de: Il Mondo Invisibile ...e la Casa delle Rose Selvatiche!! Mentre ricordiamo che l'attore Marco Di Stefano oltre ad essere conosciuto quale artista internazionale, presenta "una buona penna" anche come scrittore, un altro "aneddoto" per voi lettori...il secondo, come promesso!

"Un altro pezzetto di vita.

Siamo a un festival di teatro in Francia ...estate..vicino Rouen...molto caldo...piazza semideserta..prove per lo spettacolo della sera..la mia prestazione e nel contesto di un grande spettacolo di teatro di strada.. .il mio personaggio CALVERO ispirato all'immenso CHARLIE CHAPLIN  si avventura sui tetti e sul campanile piu alto della città e da li suonando la tromba..mia fedele compagna di viaggio..poi improvvisamente si getta nel vuoto..con una corda che appare dal nulla ... tesa.. che taglia in diagonale la piazza da circa 40 metri di altezza tutto sembra procedere bene nella prova..ma le corde non sono piu le mie..non.. . quelle che il mio grande fratello Roberto ..scomparso tragicamente oltre 10 anni fa ...mi aveva fornito...con mille attenzioni e precauzioni da scalatore e istruttore del Cai quale era...no ..le corde sono delle autorità francesi locali ..i vigili del fuoco...con le loro divise colorate..le corde me le avevano sostituite con le loro..molto piu grosse di canapa..le mie corde non erano autorizzate..questo particolare è determinante!

Improvvisamente ..è un attimo ...mentre sono sospeso a 40 metri..in quel pomeriggio afoso...una delle 2 corde si slaccia.. e mi abbandona ondeggiando lontano come un lungo serpente..è un attimo..e con una mano afferro la corda rimasta tesa..e con l' altra in qualche modo non perdo la mia tromba...

Silenzio..gli uccelli cantano..sotto me vedo piccoli piccoli delle persone.. .una è Brigitte Christensen mia compagna di avventure per tanti anni..tutti siamo terrorizzati .

I vigili del fuoco sul campanile sono relativamente vicini..forse a 10 metri di distanza ...io stranamente ritrovo subito la calma..una calma insospettabile..quella dei momenti cruciali...credo appartenga a tutti..e ..la mia calma ..mi fa capire che forse sto per morire..sento la vertigine dell' altezza..riesco ad assestarmi meglio..anche con una gamba..sono atletico.. resisto.....ma non sono un vero acrobata del circo..per il quale forse sarebbe stato tutto più semplice...la domanda.

Ma chi me lo ha fatto fare!! ...

Mi attraversa per un istante ma adesso devo agire..presto!. i vigili stanno litigando e sacramentando tra loro in francese..colpa mia ..colpa tua..l 'eterno quesito. .io do voce a loro . Chiedo un 'altra corda. ..arriva .al secondo tentativo..l 'afferro..riesco a collegarla al moschettone in vita..e poi alla corda tesa..sempre con la mia tromba che forse logicamente..avrei dovuto mollare..e pian piano scivolo giù...arrivando a terra tra gli applausi e gli abbracci per lo scampato pericolo..e qualche capello bianco in piu..alla sera..feci la stessa cosa ...The show must go on...e la piazza era gremita di un pubblico magnifico...quale migliore pubblicita pensai!"

Concita Occhipinti

Contatti

redazione@vittoriadaily.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK