Rimani sempre aggiornato sulle notizie di vittoriadaily.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

NUOVO SINDACO…VECCHI PROBLEMI

| Categoria: Comunicati Stampa | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Innanzitutto voglio rivolgere gli auguri più sentiti al caro amico Giovanni Di Natale, neo Sindaco di Acate. Sulle recenti consultazioni elettorali è possibile fare poche considerazioni e basarsi soprattutto sui numeri. Essi ci dicono che c’è un consistente calo dell’affluenza alle urne. La conferma, questa, di un disamore e distacco, oggi più grave, perché riguarda le elezioni locali. E l’esiguo scarto, in termini di preferenze, tra i tre candidati registra una spaccatura nella comunità. Il sindaco eletto, infatti, rappresenta solo un quarto della popolazione, se consideriamo che il 35% degli aventi diritto non è andato a votare. Nessuno ha vinto e tutti hanno vinto, avendo fatto una dura e convincente battaglia. A parte i 5 Stelle, passati dal 50% delle recenti Politiche, al 32% delle amministrative, e senza forti rivali e dopo che per cinque anni hanno fatto l’inferno, con gravissimi danni per la nostra comunità e cacciati dal Consiglio dal Ministero degli Interni. Segnale forte dei cittadini contro la politica del pugnale, dei tradimenti e del fango. Ho seguito poco la campagna elettorale ma mi sembra di capire che non c’è molta familiarità con le problematiche del Comune e, soprattutto, su alcune criticità che richiedono tempestivi interventi, a noi impediti da una cieca, irresponsabile e folle (o forse interessata) opposizione trasversale. L’impresa che aspetta il nuovo sindaco è molto più ardua. La campagna elettorale ormai è finita, i banchetti e lo spumante presto saranno un vago ricordo. Basta leggere la nota del mio comizio di saluto del 2 giugno per avere un’idea della situazione. I problemi sono tanti, e non sono certamente della campagna elettorale delle palme, fiori e piantine. Ci sono problemi drammatici che riguardano il bilancio del comune, l’evasione tributaria, la mancanza di Trasferimenti da parte dello Stato, i rifiuti, l’acqua, le condotte in gran parte intasate di sabbbia, calcare, nitrati e tanta “robaccia”, popolazione, in continua crescita, con annessi e connessi. Aggredire e risolvere certi problemi, più volte evidenziati, è l’unico modo per avviare percorsi virtuosi risolutivi. Noi non abbiamo avuto nessun Trasferimento dallo Stato e dalla Regione, non abbiamo fatto Mutui né Debiti e abbiamo cercato di garantire i sevizi. Siamo stati attaccati senza pietà da tutti. Col senno del poi, abbiamo sbagliato. Populismo, demagogia, spendere e spandere sono la chiave della vittoria! Non interessa a nessuno che tutti gli edifici pubblici e le scuole non sono accatastate, non hanno agibilità né autorizzazioni dei VV. FF. e, probabilmente, quanto prima si chiudono. Il “caso” Municipio è illuminante: denunciato, perseguitato da varie commissioni, 6.000 Euro di multa e quanto prima processato. Risulta ancora sede di un Barbiere e Società dei Combattenti. Ma la cosa che conta è quella di eliminarmi, costi quel che costi. Nessuno ha parlato di queste cose in campagna elettorale, nemmeno i grillini, che sono aggiornatissimi. Ma avevano un obbiettivo più nobile: trasformare, insieme ad altri mascalzoni, venduti al miglior offerente, la mia avventura amministrativa in un calvario. Ma, tempo al tempo! Speriamo che gli amici che prenderanno il nostro posto avranno la capacità di continuare la politica del risanamento e sfruttare i Finanziamenti europei. Percorso difficile, ma possibile. A loro l’augurio sincero di buon lavoro.

Contatti

redazione@vittoriadaily.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK