Rimani sempre aggiornato sulle notizie di vittoriadaily.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

L’UMANIZZAZIONE DELLE CURE AL CENTRO DEL CONFRONTO SULLA MEDICINA DELLE RELAZIONI

| Categoria: Comunicati Stampa | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

La medicina delle relazioni al centro dell’incontro che, ieri mattina, è stato ospitato nella sala conferenze dell’ospedale Giovanni Paolo II di contrada Cisternazzi a Ragusa, nell’ambito degli appuntamenti promossi in occasione dell’edizione 2019 della Giornata diocesana del malato. L’iniziativa, voluta dall’ufficio diocesano per la Pastorale della salute, è stata incentrata su un tema specifico: “Il processo di umanizzazione dei servizi sanitari in ospedale”. I lavori sono stati introdotti da Rosario Ficara, vicedirettore della Pastorale della salute. Sono intervenuti il manager dell’Asp di Ragusa, Angelo Aliquò, l’assessore comunale alla Sanità, Luigi Rabito, il presidente del comitato consultivo aziendale dell’Asp di Ragusa, Salvatore Criscione, e l’infermiere coordinatore Giuseppe Occhipinti, segretario della Pastorale della salute. A relazionare il direttore dell’ufficio diocesano, don Giorgio Occhipinti, che ha puntato i riflettori sull’umanizzazione dell’ospedale, dicendo che si tratta di una “locuzione che include parecchi aspetti, come si conviene a un argomento che non rientra in una specifica disciplina ma costituisce un campo di discussione per affrontare difficoltà vecchie e nuove che emergono nella medicina”. “E tutto ciò – aggiunge don Occhipinti – a seguito delle profonde trasformazioni demografiche, epidemiologiche e di stile di vita della società post-industriale. Gli uomini si sono da sempre posti il problema della promozione della salute e della cura delle malattie; l’ospedale è un’istituzione di antica origine, declinata secondo concezioni diverse di salute e malattia, di diagnosi e cura, ma presente in tutte le società”. I progressi scientifici e tecnologici, è stato detto, hanno però aperto nuovi orizzonti di cura e prevenzione nei confronti di patologie altrimenti non trattabili; la crescente consapevolezza dei cittadini del proprio ruolo attivo nella gestione della salute ha fatto uscire la medicina e le sue strutture dall’ambito strettamente diagnostico-terapeutico e ha modificato le richieste e le aspettative degli utenti. “I cittadini malati – ha spiegato don Occhipinti – si aspettano dagli operatori sanitari prestazioni che conducano alla guarigione. L’ospedale diviene pertanto un crocevia di interazioni caricate di valenze e di attese non sempre reali: la negazione sociale della morte trasforma la medicina in magia per produrre l’immortalità o la sopravvivenza ad oltranza. Spesso gli operatori medesimi colludono inconsciamente con questa prospettiva, rendendo quest’utopia l’obiettivo della propria formazione e lavoro. La realtà ospedaliera è forgiata da quest’immaginario che riflette le procedure, le richieste economiche, i linguaggi verbali che i pazienti e i loro parenti scambiano con gli operatori sanitari”. Ecco perché si è spostata l’attenzione dalla relazione con la persona malata a quella con la malattia: questa prerogativa della medicina occidentale ha stravolto il ruolo tradizionale del terapeuta, sostituendolo con quello del tecnico e dello specialista. Ciò ha mutato la componente relazionale della medicina, imprescindibile in ogni attività che preveda l’interazione tra individui, e ha costretto a riflettere sulla necessità di sviluppare nuovi modelli di intervento che promuovano la sua umanizzazione. E in effetti l’incontro ha affrontato problemi che operatori e amministratori incontrano ogni giorno nella complessa realtà delle relazioni con gli utenti, facendo luce su soluzioni e strategie di intervento messe in atto in risposta a tali problemi. Il prossimo appuntamento in programma, nell’ambito delle iniziative programmate per la Giornata diocesana del malato, è previsto per venerdì 15 febbraio. Alle 19, nell’auditorium della parrocchia Preziosissimo sangue di Ragusa, si parlerà de “Le nuove dipendenze patologiche – In rete…senza rete. Dipendenza da internet e social network nei giorni. Percorsi (in)formativi di prevenzione”. Interverranno don Occhipinti, Santi Benincasa, medico, e Orazio Palazzolo, psichiatra, entrambi componenti della consulta della Pastorale della salute. Ci sarà la partecipazione dell’Arma dei carabinieri di Ragusa.

Contatti

redazione@vittoriadaily.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK