Rimani sempre aggiornato sulle notizie di vittoriadaily.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Arrestato a Comiso romeno con precedenti per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale

Questa volta è finito in manette per lesioni aggravate

| di Redazione
| Categoria: Cronaca | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Nella notte di oggi, intorno a mezzanotte e mezzo, la Polizia di Stato-Commissariato di Comiso- interveniva in Piazza Aurelio Saffi, nella stessa cittadina casmenea, per la segnalazione di un accoltellamento e lite tra cittadini stranieri. Gli agenti, una volta sul posto, notavano delle persone in palese stato di agitazione. Prontamente intervenivano al fine di sedare gli animi. Nonostante la presenza dei poliziotti, uno di loro tentava di aggredire fisicamente un suo connazionale. I poliziotti si ponevano quindi tra i due contendenti e l'aggressore, George Catalin Bondaret,  strattonava uno di loro al fine di aprirsi un varco per raggiungere il suo rivale.

Bondaret in evidente stato di escandescenza, ad alta voce diceva testualmente “ti ammazzo” e, non riuscendo nell’intento grazie all’intervento tempestivo dei poliziotti che si interponevano tra lui e la vittima, minacciava anche gli agenti di Polizia affermando che se non ci fossero spostati li avrebbe uccisi.  A questo punto, considerato che il Bondaret non desisteva dall’azione violenza, veniva bloccato e fatto poi salire sull’auto di servizio per poi essere condotto in Commissariato dove si procedeva all’arresto; non domito il Bondaret all’interno della Volante continuava la sua azione violenta sferrando calci e testate sul separatore senza però provocare danni a cose nè tanto meno a se stesso.

Sul luogo dell’intervento in terra veniva rinvenuta una forbice da potatura, che era stata utilizzata dall’arrestato contro il suo rivale e con la stessa gli aveva provocato delle visibili ferite al volto e al collo; per tale motivo si faceva intervenire personale del 118 che provvedeva a prestare cure mediche. La vittima veniva trasportata presso il nosocomio Guzzardi di Vittoria dove veniva medicato dalle ferite riportate al volto e al collo, dimesso dopo le cure prestate e giudicato guaribile in giorni 7 s.c.  

Dagli accertamenti effettuati con la banca dati in della Polizia è emerso che l’uomo oltre ai precedenti sopra detti, per i quali era stato scarcerato nel marzo del 2018, era anche destinatario di due ordini di allontanamento dal territorio nazionale emessi sia dal Prefetto di Catania nello stesso marzo 2018 che dal Prefetto di Ragusa, nel novembre 2018.

 

Redazione

Contatti

redazione@vittoriadaily.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK