Rimani sempre aggiornato sulle notizie di vittoriadaily.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Evasore seriale viene arrestato dalla Polizia e finisce in carcere

| di Concita Occhipinti
| Categoria: Cronaca | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Nella giornata di ieri la Polizia di Stato ha tratto in arresto Samer Helel, in esecuzione di due distinti provvedimenti di misura cautelare in carcere disposti dal Gip del Tribunale di Ragusa, su richiesta del Pubblico Ministero.  Lo straniero, trentaseienne di nazionalità tunisina e residente da anni in questo centro, era già noto alla Polizia per i suoi numerosi precedenti per furto, ricettazione, stupefacenti ed altro e sottoposto sin dall’ottobre scorso agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, in esecuzione della misura cautelare disposta dal Gip Tribunale di Ragusa a seguito delle indagini condotte dalla Polizia di Modica che gli attribuiva la responsabilità del furto che lo stesso aveva consumato nella decorsa estate ai danni del liceo classico Tommaso Campailla di Modica.

Nonostante gli arresti domiciliari, il tunisino era stato sorpreso più volte fuori dalla propria abitazione, sia a passeggiare da solo indisturbato per il centro storico, che in compagnia di un connazionale con cui nel dicembre scorso venne tratto in arresto dalla Polizia, che li aveva sorpresi in flagranza mentre saccheggiavano un albergo di Modica. In considerazione della ennesima evasione dagli arresti domiciliari da parte di Helel, il Gip del Tribunale di Ragusa ieri ha disposto la revoca degli arresti domiciliari, sostituendo tale misura con la custodia cautelare in carcere.  A seguito di tale provvedimento lo straniero è stato prelevato a casa dalla Polizia di Stato e dopo le formalità di rito condotto presso il carcere di Ragusa.  Lo stesso pomeriggio di ieri Helel, che già si trovava in carcere, è stato raggiunto da un altro provvedimento del Gip del Tribunale di Ragusa, che disponeva la misura della custodia cautelare in carcere quale misura di aggravamento conseguente all’ultimo episodio di evasione verificatosi il 15 marzo scorso. Anche questa misura veniva eseguita dalla Polizia di Stato- Commissariato di Modica presso il carcere di Ragusa.

Solo i due provvedimenti del Gip del Tribunale di Ragusa hanno posto fine alle continue evasioni dagli arresti domiciliari da parte dello straniero, insofferente ad osservare le prescrizioni imposte dalla legge a coloro che si trovano in regime di arresti domiciliari.

Concita Occhipinti

Contatti

redazione@vittoriadaily.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK