Rimani sempre aggiornato sulle notizie di vittoriadaily.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Assipan: iniziata in Sicilia la nuova guerra del grano

Dichiarazioni del presidente regionale, il vittoriese Normanno

| di Redazione
| Categoria: Economia
STAMPA
printpreview

In Sicilia, molti panificatori e mulini stanno ricevendo delle diffide, da parte della s.r.l. Terre e Tradizioni  (società in liquidazione con sede a Verona) dirette contro le aziende panarie e molitorie che, rispettivamente, utilizzano e producono farine con le denominazioni varietali Timilia, Maiorca e Strazzavisazzi. Le registrazioni dei marchi furono fatte dalla società Terre e Tradizioni Srl nel 2013. A sottolineare quella che rischia di diventare una vera e propria guerra del grano in tempi moderni il presidente regionale di Assipan Sicilia, federazione aderente a Confcommercio, il vittoriese Salvatore Normanno. Il presidente ha già interessato della questione la presidenza nazionale oltre che l’ufficio legale dell’associazione.

"Riteniamo, però- dichiara- che le varietà colturali fanno parte del patrimonio nazionale dei 'Grani Antichi' siciliani e che le diffide in questione non hanno ragion d’essere. Il comparto della panificazione siciliano – chiarisce ancora Normanno – esce fortemente danneggiato da questo tipo di azioni perpetrate in danno alle nostre aziende panarie, azioni che creano caos, strappano energie ai panificatori, danneggiando il patrimonio colturale isolano. Terre e Tradizioni Srl esercita una richiesta di diritti su denominazioni che appartengono alla storia siciliana. Riteniamo che le denominazioni delle varietà siciliane devono essere difese perché sono di proprietà della collettività che vanta diritti millenari su questi grani. Pertanto, abbiamo chiesto alla nostra federazione nazionale di intervenire a difesa e tutela del comparto”.

Per capire meglio la questione, Assipan ha riportato anche qualche cenno storico. Il grano Timilia veniva coltivato già nel periodo greco con il nome di trimeniaios. L’agronomo tedesco, Hugo Werner nel 1885 riportava alcune denominazioni con cui questo grano veniva indicato: in Italia, Tumminia (Napoli), Timilia o Tremelia (Sicilia); Tremesino (Spagna); Dreimonatweizen (Germania); Trimenia de Sicile (Francia). Il grano Maiorca in passato era diffuso in Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. Già dal 1927 si quantificavano produzioni pari al 2,37 della produzione nazionale. Il grano Strazzavisazzi o Perciasacchi, è citato dal ricercatore Ugo De Cillis nel 1941 quale frumento siciliano cultivar tipica siciliana.

Dalla ricerca storica effettuata dall’Assipan, appare evidente che non vi è alcuna ricerca o innovazione in queste cultivar di grani antichi. Essi, affondano la loro storia in tempi assai lontani.  La bibliografia agraria, riporta notizie storiche dello Strazzavisazzi risalenti a 76 anni fa; del grano Maiorca a 90 anni fa; del grano Timilia a 132 anni fa. Per Assipan Sicilia, dunque, non ci sono i presupposti per appropriarsi dei termini identificativi di queste varietà colturali.   

 

Redazione

Contatti

redazione@vittoriadaily.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK