Rimani sempre aggiornato sulle notizie di vittoriadaily.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

“Il Cooking Show che fa beneficenza”

Cucina e solidarietà all'Istituto Alberghiero "P. Grimaldi" di Modica

| di Gianna Bozzali
| Categoria: Gusto | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

15 chef, due docenti di cucina dell’Istituto Professionale di Stato “P. Grimaldi” di Modica più una biologa nutrizionista si daranno appuntamento il prossimo 22 febbraio nei locali della scuola a Modica per cucinare insieme. È “Il cooking show che fa la beneficenza”, l’evento gastronomico che li vedrà tutti protagonisti di un momento culinario che si pone come obiettivo quello di promuovere la conoscenza di una malattia rara: la vasculite. La serata, anticipata da un momento convegnistico che avrà tra i relatori Domenico Santoro, Professore di Nefrologia nonché Dirigente medico UOC nefrologia e dialisi AOU “G. Martino” dell’Università di Messina, vedrà ai fornelli chef ed allievi della scuola alberghiera che per l’occasione prepareranno un ricco menu. Il ricavato della cena sarà interamente devoluto all'Associazione ricerca sulle Vasculiti Ignazio Bonomo ONLUS, la prima nata in Italia con lo scopo di informare e sensibilizzare l'opinione pubblica sulla patologia.

Chi fa il nostro mestiere molto spesso si preoccupa di regalare emozioni, di stupire e di sorprendere quanti scelgono di sedersi ai nostri tavoli, e come spesso accade ci si dimentica di chi magari vive condizioni diverse e più difficili delle nostre – afferma lo chef Carmelo Floridia tra i promotori della serata-. L’idea di organizzare questo evento nasce dal desiderio di voler contribuire con il nostro lavoro, con la nostra passione, ad aiutare quanti stanno lottando per una vita migliore. Il 16 dicembre 2017 è stato il terribile giorno della scomparsa di Ignazio Bonomo, che ci ha lasciato per via di questa rara malattia. Certamente non saremo noi a trovare la cura, perché non siamo né medici, né ricercatori, ma possiamo sicuramente contribuire a diffondere un messaggio e cioè che esistono cure e che è possibile prevenire queste malattie rare.

Gianna Bozzali

Contatti

redazione@vittoriadaily.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK