Rimani sempre aggiornato sulle notizie di vittoriadaily.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Fratelli d’Italia - Vittoria (RG): il coordinatore provinciale Salvo Sallemi “Piena solidarietà ai Carabinieri aggrediti da extracomunitari tunisini a Vittoria Sabato scorso

"Adesso occorre che lo Stato intervenga seriamente"

| di Redazione
| Categoria: Politica
STAMPA
printpreview

Il coordinatore provinciale Salvo Sallemi  esprime“piena solidrietà  ai carabinieri aggrediti da extracomunitari tunisini a Vittoria sabato scorso, ma adesso occorre che lo Stato intervenga seriamente”.  

“Non bastano più le parole di solidarietà o le manifestazioni di affetto- dichiara- la misura è colma e la situazione sta letteralmente sfuggendo di mano” esordisce così il leader provinciale di Fratelli d’Italia Salvo Sallemi, Vittoriese doc, il quale alza la voce contro l’aggressione subita dai Carabinieri della Stazione di Vittoria, i quali, durante un servizio di controllo del territorio, nel corso del fine settimana appena trascorso, vedendo un 33 enne fermo in atteggiamento sospetto in piazza Manin, noto luogo di aggregazione di soggetti di origine nordafricana, decidevano di sottoporre al controllo il sospettato trovandolo in possesso di 70 grammi hashish già pronto per essere immesso nel mercato nero dello spaccio. Durante il controllo però l´uomo, intuendo che stava per essere arrestato, si è dato alla fuga a piedi per le vie limitrofe, aiutato dai numerosi connazionali che in quel momento affollavano la piazza, i quali, come accennato, hanno aggredito i militari per impedirgli di portare a termine le operazioni. In aiuto dei carabinieri sono accorsi i due coniugi di 62 e 60 anni, residenti nelle vicinanze, che, vista la situazione, con alto senso civico non hanno esitato ad intervenire in ausilio ai carabinieri, venendo però aggrediti a loro volta. Solamente dopo l’intervento di altre pattuglie si è potuto completare l’arresto. Sia i militari che i due coraggiosi coniugi venivano trasportati presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale l’Ospedale “Guzzardi” di Vittoria, dove medici diagnosticavano lesioni guaribili tra i sette e trenta giorni. “Ciò che è accaduto è l’epilogo di una situazione che oramai sta degenerando” dichiara Sallemi “Abbiamo più volte, anche in passato, con il nostro partito effettuato manifestazioni in Piazza Manin al fine di sollecitare lo Stato attraverso la Prefettura ad intervenire con più uomini e mezzi per ostacolare lo spaccio, oramai in mano a soggetti extracomunitari, ma i risultati non sono stati eccellenti. Piazza Manin è diventata zona di confine dove questa gentaglia, clandestini con facoltà di delinquere liberamente, si permettono il lusso di aggredire le nostre forze dell’ordine. La giunta Moscato aveva trasferito in Piazza Manin il mercato rionale proprio per creare un filtro nella zona e consentire ai cittadini di riappropriarsi di una delle Piazze più belle della Città ma, evidentemente, il senso d’impunità consente a questi criminali di attare anche lo Stato nell’esercizio di controllo del territorio. Piena solidarietà ai Carabinieri feriti e ai coniugi che sono intervenuti in loro soccorso, esempio di patriottismo e di attaccamento al proprio territorio, in noi troveranno sempre sostegno e stima, ma il Ministero dell’Interno deve comprendere che così non si può più andare avanti”.

Redazione

Contatti

redazione@vittoriadaily.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK