Rimani sempre aggiornato sulle notizie di vittoriadaily.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

La Forma dell'Acqua: Una favola, un thriller, un film visionario con punte di romanticismo che sventrano occhi e anima.

In programmazione al Multisala Golden

| di Redazione
STAMPA
printpreview

Una favola, un thriller, un film visionario con punte di romanticismo che sventrano occhi e anima.

The Shape of Water "salva" il cinema e riempie le sale con uno stile onirico fatto di buio e di un elemento vitale, l'acqua.

Una storia che rappresenta la vita "ai margini" , la diversità, la solitudine, come quella vissuta dalla protagonista muta, Elisa, che riempie lo schermo di amore e di traumi irrisolti.

Colpi di scena grazie agli "esperimenti" dei potenti del lontano 1962, tra russi e americani come sempre predominanti e voraci di potere.

Una "creatura" diventata cavia, rinchiusa in un laboratorio che diventa volàno di passione, intreccio, complicità con la nostalgica Elisa grazie a "un uovo", galeotto e traghettatore di convincente inclinazione tra i due.

Cadillac "turchesi" (non verdi) che prendono il sopravvento come ogni mito americano , ma allo stesso tempo divorano l'ambizioso "Shannon", che alla ricerca spasmodica del successo e della conoscenza, perde di vista la famiglia distruggendone il concetto di "perfezione".

Una regia, e un "occhio" da immenso narratore, quale è il convincente Del Toro. Pur possedendo un filo fanciullesco, è decisamente un film per adulti, tant'è che molte scene avanzano tentativi di realtà, ma nascondono la vera natura della trama : il sogno raggiunto in una sala cinematografica pregna di ombre e di finzioni.

Redazione

Contatti

redazione@vittoriadaily.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK