Partecipa a Vittoria Daily

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Inattraction, la scuola di seduzione che sta rivoluzionando l’approccio alle relazioni

Condividi su:

Viviamo in una società sempre più liquida. Questo si può vedere in diversi casi. Tra questi, spicca l’analisi del mondo delle relazioni. Tendiamo ad averne diverse nel corso della vita e, in molti casi, ad avere paura di metterci in gioco per viverle in maniera davvero soddisfacente. 

Questo secondo quadro è invece una conseguenza deleteria del continuo clima di performance nel quale siamo immersi. Tendiamo a metterci sempre in discussione partendo dal giudizio degli altri e dimenticando che la prima cosa a cui porre attenzione è il nostro equilibrio interiore, a prescindere da quello che dice chi ci sta attorno.

La situazione generale porta tantissime persone a non sapere da dove iniziare quando si tratta di flirtare e di mettere in campo gli strumenti della seduzione. Oggi come oggi, quando si utilizza questo termine si inquadra un vero e proprio percorso di crescita personale.

Come già accennato, siamo purtroppo sempre meno consapevoli del nostro valore e di quello che possiamo dare agli altri. Continuamente bombardati da stimoli esterni, ci fermiamo poco a riflettere sul nostro carisma, sulla nostra capacità, anche solo parlando, di conquistare chi abbiamo accanto.

Tutto questo e molto altro è al centro della scuola di seduzione fondata da Enrico Mele. Trainer che è riuscito a prendere il meglio dell’approccio USA e a innovarlo adattandolo alla società italiana, ha reso il sito www.inattraction.com un punto di riferimento per chi vuole dare una svolta alla propria vita di relazione.

Dalle convinzioni limitanti all’attenzione alla tecnologia

Sono davvero numerosi gli aspetti toccati dai trainer di Inattraction durante i loro corsi (questi ultimi hanno l’oggettivo pro di essere caratterizzati da un approccio estremamente orientato alla praticità). Si va dalle convinzioni limitanti da sradicare - per esempio il pensiero, comune a molti uomini, della donna che si intende conquistare come un essere angelicato e privo di istinti - fino all’attenzione alla tecnologia.

A metà 2022, negare che quest’ultimo ambito ha un ruolo basilare quando si parla di relazioni vuol dire aver vissuto in una grotta gli ultimi dieci anni. Ormai tantissimi rapporti nascono sulle piattaforme di dating e vedono nelle app di messaggistica istantanea, in primis WhatsApp, un canale di contatto fondamentale. Essere a conoscenza dei meccanismi che regolano le interazioni su queste piattaforme è fondamentale per evitare passi falsi e grazie ai corsi di Inattraction è possibile imparare a farlo.

Un’ampia varietà di scelta

Come accennato nelle righe precedenti, i corsi della più celebre scuola di seduzione in Italia sono soprattutto pratici. L’approccio di Inattraction ha guadagnato fama nazionale - e non solo - soprattutto grazie al format del bootcamp, una full immersion di qualche giorno in cui i discenti mettono in pratica grazie all’aiuto di un trainer che fa loro da spalla quanto imparato in aula.

Per amor di precisione, è il caso di rammentare che la proposta di questa scuola comprende diverse alternative. Oltre ai corsi pratici, si può optare per le sessioni di coaching one to one, anche con Henry Mele. Come non citare poi le consulenze via mail? Il team di Inattraction, consapevole di quanto oggi sia sentita l’esigenza di migliorare la propria vita di relazione ma dell’ovvia importanza di far conciliare il tutto con il lavoro, sfrutta al massimo le potenzialità del web per le proprie consulenze.

Da non dimenticare è poi la chicca dei contenuti gratuiti, fondamentali per attrarre gli utenti e per dimostrare la propria autorevolezza in un determinato ambito. Inattraction lo fa con un blog ricco di articoli sia generali, sia specifici. Dagli approfondimenti sulle numerose sfaccettature delle relazioni contemporanee fino ai consigli per tenere vivo il matrimonio - con consigli che fanno leva anche sull’importanza di coltivare la propria indipendenza emotiva - c’è davvero l’imbarazzo della scelta!

Condividi su:

Seguici su Facebook