Partecipa a Vittoria Daily

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Impianto "Ciccio Raffa" vandalizzato e usato come discarica

La denuncia di Riccardo Zingaro

Redazione
Condividi su:

La guardia ambientale Riccardo Zingaro torna a denunciare le condizioni dell'impianto sportivo Ciccio Raffa. Lo stesso ha infatti  realizzato un video, poi postato sulla propria pagina Facebook nel quale si vede come la parte interna sia stata del tutto vandalizzata e quella esterna sia diventata una discarica.  

L’impianto, lo ricordiamo, comprendeva pista di atletica, un’area per il lancio del giavellotto, spazi per altri sport e spogliatoi. Zingaro ricorda di aver segnalato più volte lo stato di abbandono in cui si trova questa “cattedrale nel deserto”, una incompiuta i cui lavori si sono fermati nel 1997 e che è costata più di un miliardo e mezzo delle vecchie lire.

“Sono passate le amministrazioni, ma nulla è cambiato e la struttura è in uno stato di totale incuria”, spiega Zingaro. Questa la situazione che emerge dal video girato dallo stesso Zingaro e postato sui social: all’entrata regna il degrado assoluto, con decine e decine di elettrodomestici e spazzatura gettati come se il campo fosse un’enorme discarica a cielo aperto. Più volte la polizia municipale è intervenuta ma nulla è cambiato. Ogni qual volta l’area viene svuotata, in poche ore tutto torna come prima e a volte anche peggio di prima. 

Zingaro che chiede all’Amministrazione di fare qualcosa per salvare quello che doveva essere un fiore all’occhiello per la provincia e la Sicilia, essendo l’unica pista di atletica con otto cerchi. 

“Com’è possibile- si chiede Zingaro- che non si riesca a porre fine a questo degrado? Ogni volta che veniamo a controllare la situazione la troviamo sempre peggio. Fino a qualche mese fa c’erano aree pulite mentre ora si vede, anche in base ai rifiuti che troviamo, che qui ormai vengono a scaricare con i camion: ci sono frigoriferi, divani, materassi. Basterebbe piazzare una telecamera e individuare chi si libera dei rifiuti in questo luogo”. Zingaro sottolinea poi che la struttura non è mai partita e si augura che possa essere rimessa in sesto magari con i fondi del Pnrr.  

Condividi su:

Seguici su Facebook