Partecipa a Vittoria Daily

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

"Agricoltura, la nostra ricchezza". Convegno a Comiso

Condividi su:

“Agricoltura, la nostra ricchezza. Presentazione dei finanziamenti per le imprese agricole siciliane previsti dal PSR Sicilia 2014-2020”. Questo il tema del convegno in programma a Comiso il prossimo 6maggio nella sala congressi di pmiSicilia in Comiso via L. Sciascia n. 98.  L'evento è promosso da pmiSicilia, con il patrocinio della Regione Sicilia (Assessorato Agricoltura e Foreste) e dell'Ordine degli Agronomi della provincia di Ragusa ed il supporto di Sinzalia, del Consorzio Multifidi e della Banca Agricola Popolare di Ragusa.

I lavori prenderanno il via alle ore 16 con i saluti istituzionali di Roberto Biscotto (presidente di pmiSicilia e vicepresidente di PMITALIA), di Giuseppe Giannone (presidente della Camera di Commercio di Ragusa), di Dario Cartabellotta (Commissario straordinario libero consorzio comunale Ragusa) e di Filippo Spataro (sindaco di Comiso). Seguiranno gli interventi di Emanuele Occhipinti (Banca Agricola Popolare di Ragusa), Silvio Balloni (presidente dell'Ordine degli Agronomi di Ragusa), Gaetano Cimò (dirigente dell'assessorato regionale all'agricoltura), Antonello Cracolici (Assessore regionale all'Agricoltura) e Giuseppe Castiglione (Sottosegretario alle Politiche agricole). Sono previsti, inoltre, gli interventi dei Presidenti dei Consorzi di tutela dell’area sud-est Sicilia. A coordinare i lavori sarà Dario Sirugo, responsabile dell'area Agevolazioni di pmiSicilia.

Con questo convegno – spiega il vice presidente di PMITALIA Roberto Biscotto – vogliamo dare il nostro contributo di cosa hanno bisogno le imprese e capire di come l’assessorato all’Agricoltura vuole utilizzare e/o indirizzare le risorse previste dal nuovo Piano di Sviluppo Rurale approvato dall'Unione Europea che, com'è noto, per la Sicilia ha destinato il plafond più alto: 2 miliardi 212.747.000 di euro. Fondi che, in base alle procedure, potranno e “dovranno” essere spesi entro e non oltre il 2023”. 

Condividi su:

Seguici su Facebook