Partecipa a Vittoria Daily

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Sospesa la Mercuriale Agricola, Italia Viva: "che senso ha questa decisione del Sindaco?"

Condividi su:

 “Egregio sindaco, perché ha deciso in maniera unilaterale la sospensione della mercuriale? A chi giova questa decisione? Sicuramente, non agli agricoltori, perché era l’unica cosa che poteva tenere il reale contatto commerciale con i produttori”. 

Lo sottolinea il componente di Italia Viva Vittoria, Roberto Di Bona, che, rivolgendosi al primo cittadino, incalza: “Non ci venga a dire che gli acquirenti del Nord guardando giornalmente la mercuriale tendono ad abbassare i prezzi. Lei sa che non è così. Dal giorno del suo insediamento non esiste una programmazione su come rilanciare, rendere più moderno e appetibile il mercato di Vittoria. Le ricordiamo che lei, oltre ad essere il sindaco, detiene pure la delega dell'assessorato all'Agricoltura”. E la consigliera comunale Sara Siggia di Italia Viva sottolinea che “per quanto ci riguarda il sindaco ha contribuito nel fare perdere i fondi del Pnrr per la rivalutazione del mercato ortofrutticolo non aderendo ad Italmercati e neppure a qualsiasi altro ente che si potesse occupare di reperire le suddette risorse economiche. Rinunciando a tutto questo, il sindaco non è stato in grado di creare l’alternativa alla riqualificazione del fulcro commerciale della nostra fascia trasformata. Se fosse stato in grado di creare l’alternativa in maniera convincente, avrebbe colto il nostro plauso. Come il sindaco sa, noi di Italia Viva eravamo d'accordo all’adesione ad Italmercati, anche perché ci sarebbe stato un contratto di durata annuale e quindi di conseguenza non sarebbe stato un salto nel buio. Come sempre la politica di Aiello in materia agricola smania nel mettere gli uni contro gli altri. Quindi, intanto, servirebbe che inizi a dare delle spiegazioni sulla soppressione della mercuriale. E poi che agisca su tutto il resto per evitare che il comparto, nella nostra città, cada a pezzi”.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook