Partecipa a Vittoria Daily

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L' Assessore Pepi comunica che non ci saranno aumenti nei tributi locali a Comiso

Condividi su:

 

Consiglio Comunale convocato in seduta ordinaria per il 24 gennaio alle 17.30. “Un consiglio comunale ricco di atti propedeutici al bilancio di previsione 23-25. Confermate le aliquote IMU nonché le tariffe TARI e idriche. Non vi sarà alcun aumento”. Dichiarazione dell’assessore ai tributi, Manuela Pepi. 

 

“Sarà discusso il piano triennale di razionalizzazione delle spese di funzionamento del comune ove, pur mantenendo gli standard di efficienza, si persiste nel contenere al minimo indispensabile le spese per apparecchi telefonici mobili, strumentazione informatica, automobili – spiega l’assessore Pepi-. Vengono confermate le aliquote IMU nonché le tariffe TARI e idriche. Sebbene il sistema di convergenza nazionale avrebbe imposto un aumento delle tariffe idriche – ancora l’assessore -, l'amministrazione sceglie di non procedere ad alcun aumento, ritenendo di potere comunque garantire i servizi con il gettito attualmente arrestato a 2.348.561,37 oltre iva al 10%. Anche le tariffe TARI restano invariate, non essendo possibile procedere ad alcuna riduzione in ragione dell'obbligo imposto dalla legge di recuperare dalla collettività l'Intero costo della raccolta differenziata e del conferimento in discarica. Resta ferma e ferrata la lotta all'elusione, grazie al lavoro svolto dall'ufficio ambiente e dai vigili urbani. Sarà altresì discusso il bilancio consolidato 2021, nel quale confluiscono i dati dei bilanci consuntivi del comune di Comiso e delle sue partecipate. Sarà infine discussa l'adesione al documento unico di crisi agricola del settore dell'uva da tavola. È una scelta politica – conclude Manuela Pepi – quella di non modificare la tassazione sui tributi locali, che è la diretta conseguenza di un periodo molto difficile, economicamente parlando, per tutte le famiglie e non solo a livello locale. Prima la crisi economica determinata dalla pandemia, ora il rincaro eccessivo di tutti i generi, in special modo quelli di prima necessità, che ci hanno portato a fare questa valutazione. La cosa che per noi conta di più, è quella di continuare a garantire tutti i servizi alla città senza aumentare le tasse che ricadono sui cittadini”.

Comiso 23 gennaio 2023

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook