Rimani sempre aggiornato sulle notizie di vittoriadaily.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

La Polizia di Stato arresta per esecuzione pena due soggetti coinvolti nell’operazione “Agnellino”.

| Categoria: Comunicati Stampa | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Nel pomeriggio di ieri personale di questa Squadra Mobile, a seguito di sentenza definitiva della Suprema Corte di Cassazione e conseguente provvedimento della Corte di Appello di Catania, ha eseguito nr. 2 ordini di esecuzione per la carcerazione ex art. 656 comma 1 c.p.p. nei confronti due persone condannate, a vario titolo, per il reato p. e p. dagli artt. 73 c. 1 e 6 D.P.R. 309/90: B. P., condannato a espiare la pena residua della reclusione di anni 2 mesi 10 e giorni 9; C. R., condannata a espiare la pena residua della reclusione di anni 5 mesi 9 e giorni 4; I predetti erano già stati tratti in arresto in data 03.04.2014, allorquando personale della Squadra Mobile di Ragusa, nel contesto della c.d. “Operazione Agnellino” diede esecuzione all’Ordinanza Applicativa di Misura cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Catania, su richiesta di quella Procura Distrettuale nei confronti di 20 persone responsabili a vario titolo di reati collegati al narcotraffico posti in essere nei comprensori di Comiso e Scicli. Peraltro, nel contesto delle indagini effettuate, che portarono all’emissione delle citate ordinanze di custodia cautelare, B. P. fu anche arrestato in flagranza di reato perché, a seguito di perquisizione effettuata all’interno di un’azienda agricola sita in Donnalucata (Scicli), vennero rinvenuti nr. 4 scatoloni di cartone, contenenti complessivamente nr. 19 involucri di plastica contenenti ognuno Kg. 2 circa di sostanza stupefacente tipo marijuana, per un totale di 37,65 Kg circa complessivi, pronta per essere immessa sul mercato ibleo, che erano stati ivi occultati. La vicenda processuale si concludeva con la sentenza definitiva della Suprema Corte di Cassazione del 14.10.2020 che confermava per C. R. la pena della reclusione ad anni 7 e mesi 4 di reclusione e per B. P. la pena della reclusione ad anni 6 e mesi 8 di reclusione emessa dalla Corte di Appello di Catania

Contatti

redazione@vittoriadaily.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK